Territorio

Nel Parco Naturale delle Dolomiti Friulane, Forni di Sotto è il luogo ideale per chi apprezza il relax in un contesto dove tutto è natura.
L’ Alta Val Tagliamento offre un  perfetto soggiorno in montagna del quale conservare un piacevole e nostalgico ricordo.

Primavera, il risveglio della natura

dolomiti friulane

In Primavera la montagna si risveglia, i fiori e le piante cominciano ad inebriare il dolce vento di profumi e di sensazioni. Passeggiando a ridosso del fiume Tagliamento, ci si può imbattere in molte specie di piante d’alto fusto e i fiori spontanei: piccoli anemoni dal tipico colore viola, margherite di campo che seguono i passi degli ospiti tra i sentieri, bucaneve che fanno capolino dall’ultima neve, crocus pronti a colorare di viola e bianco tutti prati del paese e una serie di erbe officinali come il tarassaco, il cardo, il cumino dei prati.

Tra i fiori più rari e particolari dei nostri boschi, si può trovare la Scarpetta della Madonna (o Scarpetta di Venere), un’orchidea dalla fioritura breve e intensa. Considerata l’orchidea italiana più rara e minacciata, questo fiore non può essere raccolto; il solo osservarla vi farà tornare a casa soddisfatti della vostra vacanza a Forni di Sotto.

A 4 km dal paese sorge il Biotopo Palude di Cima Corso, un’area naturale protetta per la sua notevole biodiversità. Qui potrete imbattervi in numerosi anfibi, dalle salamandre ai tritoni, numerose specie di rane, nonché in molti altri animali, dal corvo imperiale, al falco pellegrino, dall’aquila reale al picchio nero.

Biotopo di Cimacorso

Inoltre questa è la stagione giusta per rimettere in moto le gambe ed avventurarsi sui percorsi di fondovalle, nei dintorni dell’abitato. Semplici passeggiate da fare in compagnia, con i bambini e con i nostri amici a 4 zampe.

Estate: colori, profumi e relax tra le Dolomiti UNESCO.

Durante l’estate l’Alta Val Tagliamento è la destinazione ideale per chi adora rilassarsi in un ambiente tranquillo. Chilometri di piste forestali, boschi di faggio animati da suoni e profumi naturali, pozze smeraldine dove prendere il sole e fare il bagno in un contesto selvaggio e tranquillo al riparo dall’affollamento delle città.

Si possono effettuare escursioni meravigliose nei dintorni dell’abitato, mentre, per i più avventurosi, si possono raggiungere le quote più alte con numerosi sentieri Cai dagli scorci mozzafiato.

I colori dei prati, il profumo dei boschi e la temperatura ideale per le escursioni anche più impegnative, vi faranno passare una vacanza estiva in totale relax e senza preoccupazioni.

Forni di Sotto fa parte del Parco Naturale Dolomiti Friulane, ed è partenza o arrivo di molte escursioni in alta quota, accuratamente segnalate dalla Sezione Cai di Forni di Sotto e Forni di Sopra.

Le montagne a Nord di Forni di Sotto fanno parte del Geoparco Transfrontaliero delle Alpi Carniche, e il Monte Bivera è testimonianza chiara della Successione Triassica del geosito di Forni di Sotto e Sauris.

Per i più piccoli il divertimento è di casa a Forni di Sopra con il Fantasy Park e  i più grandicelli invece potranno avventurarsi sugli alberi e i numerosi percorsi del Dolomiti Adventure Park. Tutte le informazioni al link: Info

A Forni di Sotto ci sono numerose passeggiate da fare in alta quota oppure a fondovalle. Per scaricare le cartine, clicca sui link:

Autunno: quando la natura si dipinge.

In questo speciale momento dell’anno, la natura ci conduce “a teatro” e prima di congedarsi (con il riposo invernale) ci introduce al gran finale: uno show sorprendente che è un autentico tripudio di colori, profumi, emozioni. Il momento del foliage è uno degli spettacoli naturali più suggestivi e indimenticabili. Da Nord a Sud, i boschi si tingono di giallo e arancione, le praterie diventano ampie strisce dorate, le pendici delle montagne sono tavolozze accese nelle mani della più grande autrice impressionista. Quale momento migliore dell’anno per scattare foto, girare video, dipingere scorci? Del resto, come amava ripetere il pittore Henri Tolouse-Lautrec: “L’Autunno è la Primavera dell’Inverno”!

Shinrin Yoku, ovvero il “Bagno nel bosco” è un’antica pratica giapponese che invita a lunghe camminate tra i boschi e nei parchi, associata oggi a uno stile di vita sano, in linea con i principi della natura. In Autunno, la filosofia che la determina raggiunge la sua massima espressione: passeggiando nella natura e respirando gli oli essenziali liberati nell’aria dagli alberi si rinforza il sistema immunitario, si abbassa la pressione arteriosa, si attenua lo stress. Nel corso di queste passeggiate terapeutiche, la mente si focalizza sulle percezioni sensoriali, mentre la natura e il bosco agiscono attivamente sull’organismo per infondere pace e tranquillità.

La prima fase dell’Autunno è l’ideale per far le ultime escursioni in montagna, dove tutto è colorato e la giornata è tersa.

Nel fondovalle invece il bosco, con i suoi profumi e i suoi colori vi saprà ammaliare e stupire anche solo andando a funghi o a raccogliere noci o nocciole.

Inverno: non solo piste da sci.

Inverno strano quello che stiamo affrontando in questa stagione 2020/2021, ma non meno divertente del solito.

Forni di Sotto si presenta con circa 1 metro di neve al suolo, bianco e candido come non si vedeva da anni.

In quota invece c’è nè molta di più.

Quest’anno lo sport preferito è la Ciaspolata. Si possono effettuare vari anelli ed uscite con le ciaspole ( cartina in aggiornamento). Vari i chilometri da fare e la difficoltà. Ciaspolate con i bambini si possono tranquillamente fare nei dintorni e nei pianori a sud dell’abitato.

Ma anche lo sci di alpinismo è molto frequente nelle nostre zone. Si possono raggiungere la capanna Alpina Cueste Baton e la Casera Chiampiuz nel cuore del Parco Naturale Dolomiti Friulane.

Tutto è bianco e candido e con il sole poi la meraviglia è a portata di mano di tutti.

A Forni di Sopra trovate l’anello di sci di fondo: la pista è pronta e aspetta solo il vostro ritmo e la vostra voglia di fare sport e stare all’aperto.

E dopo una giornata sulla neve, tutti al riparo nei nostri appartamenti, avvolti dal profumo e dal calore del legno.

 

Il nome di Forni Savorgnani deriva dall’appartenenza di questi territori alla famiglia dei Savorgnan dal 1300 fino alla caduta della repubblica di Venezia. I resti dell’antico maniero di Plaze Ciasciel, riportato alla luce da una recente campagna di scavi archeologici, è la testimonianza più importante del periodo della famiglia Savorgnan.

Inoltre, gli artisti e gli artigiani del passato legato alla religiosità, ci hanno lasciato in eredità un piccolo patrimonio di chiese e cappelle, distribuito su tutto il nostro territorio.

La più antica ed importante è la chiesetta trecentesca di S. Lorenzo affrescata dal noto pittore carnico Gian Francesco da Tolmezzo. Sparsi lungo il Cammino delle Pievi, che passa per tutte le pievi della Carnia (camminodellepievi.it), si incontrano numerosi “Cristins”, chiesette popolari frutto della devozione contadino-montanara.

Cultura e tempo libero

Passeggiate, nordic walking e trekking

Una grande e curata rete di sentieri consente al turista di percorrere in lungo e in largo il territorio, dalle passeggiate in fondo valle alle escursioni più impegnative che vi porteranno a raggiungere le più alte cime dolomitiche.
In loco sono divulgati due libretti guida: “Forni di Sotto, I sentieri di Fondovalle”e “Dolomiti Orientali, I monti dei Forni Savorgnani”, che consentono agli ospiti di muoversi in completa autonomia.

Alcuni percorsi interessanti:

  • Fonte acqua pudia “aghe da la Puze” – “Cristin di Zuviel” – Tra i casolari di Forni – “Sentiero natura alla capanna alpina Cuestebaton” – “malghe di Ciavalut, Ciampiuz, Masons, Neveade, Montovo”.
  • Cime: M.te Bivera e Clap Savon (m.2462), Pramaggiore (m.2478), Rancolin (2050), Ciarescons (m.2168).

Per informazioni e tracciati : Sito web C.A.I. – Sezione Forni di Sotto e Forni di Sopra

Possibilità di noleggio di biciclette con pedalata assistita: tre postazioni deposito bici con annesso caricabatterie, dislocate nei borghi di Baselia, Tredolo e al Campo Sportivo. Per maggiori informazioni visitate il sito bikesharingfornidisotto.it

IL SERVIZIO E’ CHIUSO. CI RIVEDIAMO NEL 2021!

Alcuni percorsi in fondovalle:

  • Vico , S.Antonio, Chiampì, Vico
  • Baselie, ponte Sacrovint, Sacrovint, torr. Poschiadea.

Mountain Bike: sul territorio ci sono diverse piste forestali e sentieri di fondovalle da percorrere in mountain bike. Inoltre, si può richiedere l’assistenza di istruttori abilitati all’ accompagnamento con bicicletta. Informazioni e contatti in loco.

Bike sharing, mountain bike

Kayak, pesca sportiva, canyoning

Il fiume Tagliamento che scorre lungo tutto il Friuli- Venezia Giulia, si presta ad attività sportive come kayak o canoa, in particolare nel tratto Tofat in Forni di Sotto fino a Caprizi nel comune di Socchieve.

Sul Tagliamento è consentita la pesca sportiva (con licenza), con la possibilità di partecipare a gare di pesca organizzate. Info in loco presso l’associazione pescatori.

Il canyoning si pratica sui torrenti Rasie e Poschidea, assistenza e accompagnamento con Guide Alpine specializzate. Info presso la Scuola italiana di Alpinismo e Scialpinismo Guide Alpine FVG.

Sui greti del Tagliamento e del torrente Poschiadea dove l’acqua rallenta in pozze cristalline, i bagni di sole assicurano abbronzature eccezionali.

Nella zona sportiva di Calon, limitrofa al borgo Vico, ci sono due campi da calcio regolamentari con annessi spogliatoi e tribune di nuovissima realizzazione. Il complesso è mantenuto in perfetta efficienza: i campi da gioco si possono affittare per ritiri e tornei, così come la struttura limitrofa (cucina e vasto spazio coperto) con funzione di ristoro. Info presso Società Sportiva Audax.
Inoltre, a pochi passi sorgono due campi da tennis con fondo sintetico.

 

Da non perdere, a Forni di Sopra, le acrobazie all’Adventure Park (percorsi fra gli alberi adeguatamente calibrati per adulti e bambini, http://www.for-adventure.it/), poco distante dal complesso piscina-palestra, con sala fitness e muro artificiale di arrampicata. (http://www.fornidisopra.it).

Inoltre, i più piccoli potranno divertirsi presso il Fantasy Park con gommoni e scivoli, che d’inverno si trasforma in Fantasy Snow Park.

Calcio, tennis, Adrenalina sugli alberi

Alpinismo, arrampicata, ferrate

La valle dei Forni Savorgnani racchiusa da imponenti pareti dolomitiche, ubicate per la maggior parte all’interno del Parco delle Dolomiti Friulane, ben si presta a salite di ogni grado e difficoltà. A fondovalle alcune falesie sono attrezzate a regola d’arte per il Free Climbing: Settore Radio Rai 2, Settore Al Zambol e Settore Lavagna in Forni di Sotto (38 vie dal 5b al 7b+) e Varmost in Forni di Sopra a km.8 (12 vie dal 4c al 6c).

Ferrata Cassiopea sul torrione Comici nel Parco D.F. e Mason da l’Infiar (adventure climb Varmost), completano l’offerta alpinistica.
Info presso la Scuola italiana di alpinismo e sci alpinismo FVG.
Guida cartacea reperibile in loco “Dolomiti Orientali – I monti dei Forni Savorgnani”.

Vie classiche: Monte Cridola, Punta Savorgnana, Monfalcon di Forni, Pramaggiore, Cima val di Guerra (I° e II° grado), Campanile di val Montanara (III° IV°), Falesie di Forni di Sotto

Qui si possono percorrere sentieri, mulattiere e piste forestali, ideali per gli appassionati delle racchette da neve, in completa autonomia o con l’esperienza di una Guida alpina.
Le ciaspe si possono noleggiare in loco.

Gli appassionati di sci-alpinismo hanno a disposizione l’intera valle dei Forni Savorgnani, oltre al Parco Naturale delle Dolomiti Friulane, un paradiso naturale di itinerari di ogni ordine e difficoltà. Dai sentieri del fondovalle alle cime più ardite, si consiglia di pianificare accuratamente le escursioni.

Nelle forre e, in generale, nei versanti Nord, durante i periodi più freddi, tutto ciò che è acqua diventa ghiaccio. Si creano così piccole e grandi cascate di gelo verticale che possono essere scalate con piccozza e ramponi. Meravigliosa quella dei Ghirei in Val Rovadia alta 60 metri.

Info presso la Scuola italiana di alpinismo e sci alpinismo FVG cell. 335 8008859.
In loco è reperibile la guida cartacea de “Le Dolomiti Friulane – I monti dei Forni Savorgani”

 

SCOPRI LE ATTIVITA’ DEL PARCO NATURALE DOLOMITI FRIULANE PER L’INVERNO:

Parco Wellness Outdoor Inverno 2019/2020

Ciaspe, sci alpino, cascate di ghiaccio

dolomiti friulane

Sci nordico e sci escursionismo

dolomiti friulane

Per queste attività, a 8 Km, ci sono diversi anelli di piste da fondo battute giornalmente, con tracciati omologati per allenamenti e competizioni. Vengono disputate competizioni a livello regionale, italiano ed europeo. (Info presso la Scuola Italiana di sci di Forni di Sopra. Cell. 377 1206139)
Il fondovalle di Forni di Sotto ben si presta per lo sci escursionismo e, saltuariamente, viene battuto il tracciato per lo sci di fondo.

Sito web Scuola di sci di Forni di Sopra

Gli impianti di sci del Varmost in Forni di Sopra (a 8 km.), con tre seggiovie ad aggancio automatico, salgono oltre quota 2000. Il comprensorio offre circa 15 km di piste, due campi scuola, lo Snow Park e una seggiovia anche a fondo valle; tutti i tracciati sono medio-facili, con uno splendido panorama sulle Dolomiti che spazia dalle Tre Cime di Lavaredo alle Dolomiti Friulane, passando per il Monte Civetta e l’Antelao. All’interno del comprensorio ci sono piste omologate per competizioni a livello regionale, italiano ed europeo. Info presso la Scuola italiana sci Forni di Sopra.

Sito web Scuola di sci di Forni di Sopra

Montagna d’inverno

Sci alpino e snowboard

dolomiti friulane